Apre TUTTOFOOD: dove l’agroalimentare fa innovazione e crea valore

Milano, 3 maggio 2015– Innovazione, lifestyle, tipicità. Sono le carte vincenti di TUTTOFOOD, la Milano World Food Exhibition che ha tagliato il nastro oggi in fieramilano a Rho, dove prosegue fino a mercoledì 6 maggio.
 
Mentre tutto il mondo viene a Milano per celebrare il cibo con EXPO 2015 – in un’area a pochi minuti dalla manifestazione, cui è collegata direttamente – a TUTTOFOOD l’agroalimentare si esprime in tutto il suo valore aggiunto socio-economico, in termini di nuove tendenze e opportunità di business, per un settore che vale 33 miliardi di euro di export e punta a raggiungere i 50 miliardi entro il 2020.
 
“Questa è l’edizione dei record, basti dire che gli espositori sono saliti a quasi 3.000. Nel settore food l’Italia è tra i leader mondiali,– ha affermato Corrado Peraboni, neo Amministratore Delegato di Fiera Milano Spa. E TUTTOFOOD ne supporta la filiera, in linea con la strategia che Fiera Milano persegue anche negli altri settori di punta del Made in Italy. Lo confermano gli oltre 2.100 buyer profilati da 77 Paesi, tra i quali mercati forti USA, UK, Belgio, Germania, Francia e, tra i meno consueti, paesi come Svezia, Finlandia, Taiwan o Hong Kong. La forza di TUTTOFOOD nasce anche dal saper coniugare le opportunità di business con il ruolo di osservatorio sulle tendenze, con ricerche e convegni”.
 
Alla prima giornata è intervenuto anche il Presidente di Regione Lombardia, Roberto Maroni. “TUTTOFOOD si integra perfettamente con EXPO – ha commentato il Governatore – , un collegamento ideale che valorizza insieme le eccellenze del territorio e le occasioni per l’economia. In genere si pensa alla Lombardia soprattutto per l’industria, ma la nostra è la prima regione agricola d’Italia ed è ricca di prodotti di altissimo livello. Con questa sinergia il nostro obiettivo è promuoverli in modo ancora più efficace”.
 
Le innovazioni raccontate da TUTTOFOOD stupiscono per originalità e per i cambiamenti. Che rivoluzionano anche le abitudini più scontate, all’insegna di una tendenza fusion dei sapori, partendo da cibi e ricette che, pur essendo degli intramontabili, vengono proposti al grande pubblico sotto il segno di fantasiosi e sempre equilibrati mix. È il caso del cappuccino, presentato dal Maestro Pasticcere Gabriele Boezio in versione salata: è composto da un bacio di dama a base di formaggio e agrumi, con crema di nero di seppia a sostituire il caffè e una spuma particolare tratta da una radice vegetale che simula il latte. Risultato: un cappuccino salato, idea nuova che può cambiare colazioni e spuntini nel futuro degli italiani.
E il futuro porterà anche tanta attenzione all’ambiente e a tradizioni antichissime: così ecco presentato dal Barman e Trainer ufficiale di Planet One Diego Re un nuovo format di bar “Green”, che sfrutta ingredienti insoliti o poco utilizzati, a chilometro zero e senza sprechi. Tra le sue proposte infusi ayurvedici con aloe vera e spremuta di arancia, serviti in fialette stile erboristeria, fino a un drink “epico”, che potrebbe essere quello servito da Circe agli assetati compagni di Ulisse: si chiama Ciceone (che significa “mescolare”) ed è composto da miele, farina, formaggio, vino e ghiaccio. Dissetante, ma anche nutriente, tanto da poter sostituire un pasto. Diventerà la tentazione del Terzo Millennio?
Grazie a questa forte carica innovativa e alla vocazione globale, in sole cinque edizioni, TUTTOFOOD è diventata la terza manifestazione dell’agro-alimentare in Europa e si rafforza come la più internazionale in Italia.
 
Per restare sintonizzati con TUTTOFOOD: www.tuttofood.it, @TuttoFoodExpo, #TuttoFood2015.

Ufficio Stampa Fiera Milano
Rosy Mazzanti – Simone Zavettieri
T: +39 024997.7457
E: press.tuttofood@fieramilano.it

 

Ecco come il Salone cambia il settore agroalimentare e stupisce le istituzioni

 

Scarica il comunicato